Esplora contenuti correlati

Lo Sport non bara

17 ottobre 2017

Lo spot

Il 27 settembre 2017 la Sala Polifunzionale di Largo Chigi ha ospitato la presentazione degli strumenti attuativi realizzati per la lotta ai fenomeni di corruzione all’interno delle politiche dell’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri elaborate nel progetto “Anti Match-Fixing Formula”.
Coordinato dall’Ufficio per lo Sport e cofinanziato dalla DG Home della Commissione Europea (Direzione Generale Affari Interni) il progetto è nato con l’obiettivo generale di sviluppare un modello pubblico-privato integrato a livello europeo per la prevenzione del fenomeno del match-fixing, attraverso la selezione di buone pratiche europee e nazionali, in grado di soddisfare e rafforzare l’attuale cooperazione.
Quale evento conclusivo del progetto questo meeting internazionale, denominato “Sistemi di segnalazione protetta: una leva chiave per il contrasto al match-fixing e all’infiltrazione del crimine organizzato nel settore dello sport”, si colloca nella più ampia dinamica nazionale, internazionale ed europea di crescente rafforzamento delle politiche di prevenzione e contrasto al match-fixing.
Tra i principali obiettivi operativi realizzati dal progetto c’è in particolare l’attivazione di un sistema innovativo di segnalazione protetta, basato sul coinvolgimento strutturale della rete delle Camere di Commercio.

Obiettivi

Al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del contrasto alla corruzione e la promozione delle buone pratiche, l’Ufficio per lo Sport ha curato la realizzazione di uno spot promozionale sul claim “lo sport non bara” da veicolare sulle reti televisive nazionali RAI.

Target

Il destinatario della campagna è la popolazione ed in particolare ogni soggetto operante nel settore sportivo.

Contenuto dei messaggi

Un video suggestivo dal concept chiaro: il parallelo concettuale tra le parole linearità, pulizia, correttezza. Da qui l'idea di far scaturire gli sport dal respiro di una linea nera su fondo bianco del cui avvio è responsabile il whistleblower. Il susseguirsi degli sport è concitato e si conclude con uno strumento che asseconda il ritmo è dà una misura sicura e comune: il cronometro.
Per questo motivo quest'ultimo diventa l'immagine simbolo del canale di segnalazione protetta www.sportpulito.it

Strumenti e mezzi 

Lo spot televisivo è in programmazione sulle reti RAI a partire dal 4 ottobre 2017.

Fonte: Ufficio per lo Sport

campagna , sport pulito
Torna all'inizio del contenuto