Esplora contenuti correlati

Contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici

Il sostegno pubblico alle imprese editrici di quotidiani e periodici si ispira al principio del pluralismo dell’informazione nella considerazione che esso sia necessario soprattutto per le voci informative più piccole, ma non per questo meno importanti, perché radicate nelle comunità locali.

Chi può accedere al contributo

Possono accedere al contributo pubblico per l’editoria:

Modalità di presentazione delle domande e della documentazione

Le domande per l’ammissione ai contributi alla stampa a favore delle imprese editrici di quotidiani e periodici, sottoscritte con firma digitale dal legale rappresentante ed in regola con l’assolvimento della marca digitale, devono essere inoltrate tramite posta elettronica certificata all'indirizzo archivio.die@mailbox.governo.it dall'1 al 31 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento del contributo. Le domande presentate al di fuori del periodo indicato sono inammissibili.

Ai fini dell’eventuale pagamento dell’anticipo previsto dall'articolo 2, comma 7-bis, del decreto-legge 18 maggio 2012, n. 63, le imprese devono produrre contestualmente alla domanda la documentazione comprovante il possesso dei requisiti.

In caso di mancata produzione entro il termine del 31 gennaio dei documenti richiesti dall'articolo 3, comma 3, della legge 26 ottobre 2016, n. 198 o in caso di documentazione incompleta, l’anticipo non sarà erogato.

All'atto del pagamento l'impresa deve essere in regola con le attestazioni rilasciate dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (AgCom) e con i versamenti dei contributi previdenziali e non risultare inadempiente in esito alla verifica di cui all'articolo 48-bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602. L’anticipo è versato alle sole imprese editrici che hanno percepito il contributo nell'anno precedente.

Entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello di riferimento del contributo, le imprese editrici richiedenti il contributo producono, a pena di decadenza, l’ulteriore documentazione relativa alla testata per la quale si richiede il contributo.

Il procedimento per la concessione del contributo si conclude entro il 31 marzo dell’anno successivo a quello di presentazione della domanda.

Modulistica

Selezionare la documentazione sulla base della tipologia di soggetto richiedente il contributo:

  • le imprese cooperative di giornalisti editrici di quotidiani e di periodici;
  • le agenzie di informazione radiofonica costituite nella forma di cooperative di giornalisti;
  • le imprese editrici di quotidiani la cui maggioranza del capitale sia detenuta da cooperative, fondazioni o enti morali non aventi scopo di lucro che abbiano maturato entro il 31 dicembre 2005 il diritto al contributo;
  • le imprese editrici di quotidiani italiani editi e diffusi all'estero;
  • le imprese editrici di quotidiani in lingua francese, ladina, slovena e tedesca nelle regioni autonome Valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige;
  • le imprese editrici di testate organo di movimenti politici;
  • le imprese editrici di periodici esercitate da cooperative, fondazioni o enti morali ovvero da società la cui maggioranza del capitale sia detenuta da cooperative, fondazioni o enti morali non aventi scopo di lucro.

Normativa

Per maggiori informazioni

Servizio per il sostegno diretto alla stampa

Torna all'inizio del contenuto