Esplora contenuti correlati

Definizione agevolata dei carichi affidati agli agenti della riscossione

21 aprile 2017

Lo spot radiofonico
Lo spot radiofonico per la scadenza di settembre
Lo spot radiofonico per la scadenza di novembre

Il D.L. n. 193/2016 ha introdotto per i cittadini la possibilità di definire in misura agevolata (con la c.d. “rottamazione”) i propri debiti, affidati per la riscossione dagli enti creditori a Equitalia, dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2016, presentando la domanda di adesione entro il 21 aprile 2017.

In particolare, i contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata possono estinguere il proprio debito senza corrispondere le somme affidate a titolo di “sanzione”, gli interessi di mora, ovvero le sanzioni e somme aggiuntive.

Rimangono pertanto da corrispondere le somme affidate a titolo di “capitale” e di interessi “di ritardata iscrizione a ruolo”, nonché gli importi maturati a favore dell’Agente della riscossione, a titolo di aggio sulle predette somme, quelli relativi al rimborso delle spese per le procedure esecutive e delle spese di notifica della cartella di pagamento.

Sono esclusi dalla definizione agevolata i carichi che, seppur affidati a Equitalia, nel periodo 2000 – 2016, riguardano:

  • somme riferite alle risorse proprie tradizionali dell’Unione europea e quelle riferite all’imposta sul valore aggiunto riscossa all’importazione;
  • somme dovute a titolo di recupero di aiuti di Stato considerati illegittimi;
  • somme riferite a pronunce di condanna della Corte dei conti;
  • somme riferite alle multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute a seguito di provvedimenti e sentenze penali di condanna;
  • somme riferite a sanzioni diverse da quelle irrogate per violazioni tributarie o contributive.

La possibilità di definizione agevolata può essere esercitata anche dai contribuenti che stavano già effettuando i versamenti dei piani di rateizzazione concessi dall’Agente della riscossione, purché, rispetto ai piani di dilazione in essere alla data dell’entrata in vigore del D.L. n. 193/2016, risultino adempiuti i versamenti delle rate fino al 31 dicembre 2016.

Il successivo D.L. n. 148/2017 (c.d. “decreto fiscale collegato alla legge di bilancio 2018”) ha poi ampliato la possibilità per i contribuenti che non hanno completato gli adempimenti della c.d. rottamazione delle cartelle di mettersi in regola e accedere alle agevolazioni previste per il pagamento del debito tributario o contributivo affidato all’Agente della riscossione. In particolare:

  • viene consentito al debitore di effettuare entro il 30 novembre 2017 il pagamento delle rate della definizione agevolata scadute a luglio e a settembre 2017. In questo modo i contribuenti che per errori, disguidi o mancanza di liquidità non hanno potuto effettuare i versamenti vengono riammessi alla “rottamazione”, senza ulteriore addebito;
  • viene data la possibilità di accedere alla definizione agevolata ai debitori che in precedenza si erano visti respingere le istanze perché non in regola con il pagamento delle rate, in scadenza al 31 dicembre 2016, dei piani di dilazione in essere al 24 ottobre 2016. Tale facoltà può essere esercitata presentando istanza all’Agente della riscossione entro il 31 dicembre 2017. I contribuenti interessati dovranno versare entro il 31 maggio 2018 le rate non corrisposte dei piani di dilazione. In caso di mancato versamento l’istanza è improcedibile;
  • si amplia il raggio d’azione della definizione agevolata che può essere applicata anche ai carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio al 30 settembre 2017. Il contribuente dovrà presentare domanda entro il 15 maggio 2018 e il pagamento delle somme dovute dovrà essere effettuato in un numero massimo di cinque rate di pari importo nei mesi di luglio, settembre, ottobre e novembre 2018 e febbraio 2019.

Obiettivi

L’obiettivo della campagna informativa è promuovere la conoscenza delle nuove opportunità concesse ai contribuenti che hanno aderito alla definizione agevolata attraverso più spot radiofonici trasmessi sulle reti RAI con contenuti che di volta in volta, con l’approssimarsi dei termini fissati dalla legge, informino sulle singole novità e sugli adempimenti a carico delle famiglie e delle imprese interessate.

Target

Destinatari della campagna sono famiglie e imprese che nel corso di questi anni hanno maturato debiti che Agenzia Entrate-Riscossione è stata chiamata a riscuotere per conto degli enti creditori.

Contenuto dei messaggi

Gli spot radiofonici, realizzati in formato MP3, prevedono uno speaker di sottofondo che spiega le modalità e i tempi per aderire alla definizione agevolata.

Strumenti e mezzi

Gli spot sono stati programmati sulle reti radiofoniche RAI. La campagna é presente anche sul portale Equitalia.

Fonte: Ministero dell’Economia e delle Finanze - Agenzia Entrate-Riscossione.

campagna , agenti , riscossione
Torna all'inizio del contenuto