Esplora contenuti correlati

Riscoprili

1 dicembre 2009

Presentazione

L’Italia ha un enorme e inestimabile patrimonio artistico e culturale, ma i dati sulla  fruizione di tale patrimonio segnalano una situazione preoccupante. Gli italiani, infatti, sembrano più propensi a visitare l’arte e i musei quando si trovano all’estero “snobbando” o dando per scontata la ricchezza del patrimonio artistico locale.

La campagna di comunicazione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC), con il claim Se non lo visiti, lo portiamo via”, punta a far riscoprire agli italiani il patrimonio artistico del nostro Paese ed invertire il trend negativo dei visitatori come emerso da recenti sondaggi. Il claimprovocatorio dello spot nasconde l’invito rivolto ai cittadini italiani a riscoprire e godere di questo immenso patrimonio che contribuisce a rendere l’Italia un paese unico al mondo.

L’iniziativa di comunicazione ha visto la realizzazione di tre spot televisivi di 15 secondi con 3 soggetti diversi: “Colosseo”, “David” e “Cenacolo”. Negli spot video si vedono immagini d’impatto: il Colosseo in fase di smontaggio per essere trasferito chissà dove, il David di Michelangelo trasportato da diversi elicotteri sui cieli di Londra e il Cenacolo di Leonardo mentre viene sistemato da alcuni operai in una strada newyorkese.

Gli spot radiofonici, sempre di 15 secondi, con altri 3 soggetti, “Tempesta”, “Gobbo” e “Ragnatela”, raccontano con tono ironico la visita ad improbabili musei e opere d’arte all’estero affermando nel claim finale: “Quando vai all’estero non ti perdi un museo, fai lo stesso anche in Italia”, invitando così a visitare i luoghi dell’arte in Italia con lo stesso spirito con cui si visitano quelli all’estero.

Gli spot verranno trasmessi dal 5 al 10 febbraio 2010 sulle reti RAI.

Campagna dicembre 2009

Diffusione

Link sul web

campagna , musei , arte
Torna all'inizio del contenuto