Esplora contenuti correlati

Controlli effettuati

Nell’ambito dell’attività di collaborazione tra il Dipartimento e la Guardia di Finanza – Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressioni Frodi Comunitarie, i controlli sono svolti su un campione di imprese selezionato annualmente in relazione alle diverse tipologie di contributo e sulla base di un complesso di indici di rischio tratti dall’esame della documentazione contabile prodotta dalle imprese editrici.  

Grazie al sistema di controlli, particolarmente strutturato dall’anno 2009, è stato possibile far emergere irregolarità e comportamenti patologici; sulla scorta di tali evidenze, il Dipartimento ha annullato i contributi erogati sulla base di documenti risultati non veritieri.

L’incrocio tra i dati relativi ai contributi erogati e quelli relativi ai contributi annullati in uno stesso intervallo temporale -  dal 2006 al 2011 - che per estensione può essere considerato significativo, evidenzia che i fenomeni patologici hanno interessato circa il  10 per cento delle risorse erogate.     

In particolare, a fronte di un totale erogato pari a circa 861 milioni di euro (dal 2006 al 2011) ad oggi è stato accertato a seguito dei decreti di annullamento adottati dall’amministrazione un indebito pari a circa 85 milioni di euro (corrispondente al 9,87%).

Ai fini del recupero degli indebiti, che peraltro costituiscono spesso oggetto di controversie giudiziarie con le imprese, l’Amministrazione ha intrapreso le seguenti azioni:

  • compensazioni con successivi crediti maturati a titolo di contributo dalle imprese editrici interessate dai controlli, con un recupero pari a circa 5 milioni di euro;
  • insinuazioni al passivo nelle procedure concorsuali cui le imprese editrici sono state assoggettate, per un importo pari a circa 20 milioni di euro;
  • rateizzazione di indebiti con garanzia fideiussoria, con un recupero, ad oggi, pari, a circa 6 milioni di euro;
  • riscossione coattiva mediante iscrizione a ruolo delle altre somme da recuperare;
  • costituzione in qualità di parte civile in procedimenti penali pendenti per l’accertamento delle ipotesi di reato di truffa ai danni dello Stato per indebita percezione di contributi pubblici.
Torna all'inizio del contenuto